Inizio - VIS Vaticano - Ricevere VIS - Contattaci - Calendario VIS

Il Vatican Information Service (VIS), istituito nell'ambito della Sala Stampa della Santa Sede, è un bollettino telematico che diffonde notizie relative all'attività magistrale e pastorale del Santo Padre e della Curia Romana...

ultime 5 notizie

VISnews anche in Twitter Anche in YouTube

giovedì 21 marzo 2013

PAPA FRANCESCO CELEBRERÀ LA MESSA DEL GIOVEDÌ SANTO NELL'ISTITUTO PENALE PER MINORI DI CASAL DEL MARMO

Città del Vaticano, 21 marzo 2013 (VIS). Nel giorno del Giovedì Santo Papa Francesco celebrerà la "Messa nella Cena del Signore" all’Istituto Penale per Minori di Casal del Marmo in Roma e non nella Basilica di San Giovanni in Laterano, come è consuetudine in questo giorno.

Il 28 marzo, Giovedì Santo, il Santo Padre Francesco celebrerà al mattino nella Basilica di San Pietro la Messa Crismale, e al pomeriggio si recherà all’Istituto Penale per Minori di “Casal del Marmo” per la celebrazione della “Messa nella Cena del Signore”, alle ore 17.30. Com’è noto la Messa della Cena del Signore è caratterizzata dall’annuncio del Comandamento dell’amore e dal gesto della Lavanda dei piedi. Nel suo ministero come Arcivescovo di Buenos Aires, il cardinale Bergoglio usava celebrare tale Messa in un carcere o in un ospedale o in un ospizio per poveri o persone emarginate. Con la celebrazione a Casal del Marmo, il Papa Francesco continua tale uso, che dev’essere caratterizzato da un contesto di semplicità.

Le altre celebrazioni della Settimana Santa si svolgeranno invece secondo l’uso abituale, come risulterà dalla Notificazione dell’Ufficio delle Celebrazioni Liturgiche.

Come si ricorderà, il Papa Benedetto XVI aveva visitato l’Istituto di Casal del Marmo il 18 marzo 2007, celebrandovi la Messa nella Cappella del “Padre Misericordioso”.

MESSAGGIO DEL PAPA FRANCESCO PER INTRONIZZAZIONE ARCIVESCOVO DI CANTERBURY

Città del Vaticano, 21 marzo 2013 (VIS). Papa Francesco ha inviato un Messaggio a Sua Grazia Dr. Justin Welby, Arcivescovo di Canterbury, in occasione della sua intronizzazione, oggi, nella Cattedrale di Canterbury a Londra (Regno Unito). Welby è il 105 Arcivescovo di Canterbury e Primate della Comunione Anglicana

"Il ministero pastorale - scrive Papa Francesco - è una chiamata a procedere nella fedeltà al Vangelo e al nostro Signore Gesù Cristo. Le assicuro le mie preghiere in questo momento in cui lei assume le sue nuove responsabilità e le chiedo di pregare per me ora che rispondo alla nuova chiamata che il Signore mi ha rivolto.

Spero di incontrarla in un prossimo futuro e di continuare i i buoni rapporti fraterni dei nostri predecessori.


MESSAGGIO DI AUGURI DI BENEDETTO XVI AL NUOVO ARCIVESCOVO DI CANTERBURY

Città del Vaticano, 21 marzo 2013 (VIS). Questa mattina è stato pubblicato il Messaggio che Papa Benedetto XVI ha indirizzato, il 4 febbraio scorso, a Sua Grazia Dr. Justin Welby in occasione della sua elezione ad Arcivescovo di Canterbury (Regno Unito) e a Primate della Comunione anglicana.

"Lei assume il suo nuovo ufficio - scrive Papa Benedetto XVI - in un momento in cui la fede cristiana è rimessa in discussione in molti paesi del mondo occidentale da coloro che sostengono che la religione sia una questione privata, senza nessun contributo da offrire al pubblico dibattito. I ministri del Vangelo oggi devono rispondere ad una diffusa sordità alla musica della fede, e ad una generale stanchezza che rifiuta le esigenze del discepolato. Tuttavia la sete di Dio, anche se non riconosciuta, è più che mai presente nella nostra società, e la missione del predicatore, quale messaggero di speranza, è di dire la verità con amore, diffondendo la luce di Cristo nell'oscurità della vita delle persone. Che il suo apostolato produca molti frutti ed apra gli occhi e le orecchie di molti al messagio vivificante del Vangelo".

Benedetto XVI conclude con l'augurio che il Signore conceda al nuovo Arcivescovo "forza e saggezza" e che lo Spirito Santo lo guidi "in tutte le iniziative che intraprenderà nel suo nome".


PAPA FRANCESCO INVITA LA COMUNITĀ ARGENTINA DI ROMA

Città del Vaticano, 21 marzo 2013 (VIS). Nella giornata di ieri, poco dopo mezzogiorno, Papa Francesco ha invitato informalmente la comunità argentina residente a Roma. Avvertite all'ultimo momento, una cinquantina di persone, laici ed ecclesiastici, hanno potuto incontrare il Papa in una sala della Domus Sanctae Marthae.

Fra i presenti il Presidente della Conferenza Episcopale Argentina, l'Arcivescovo José María Arancedo di Santa Fe de la Vera Cruz; il Maestro Generale dell'Ordine di Nostra Signora della Misericordia, Padre Pablo Bernardo Ordoñe, O. de M.; sacerdoti e religiosi; ma anche laici, padri e madri di famiglia con i figli e giornalisti.

Gli ospiti hanno cantato e danzato davanti al Papa, mentre consumavano un piccolo rinfresco in uno spirito di cordiale amicizia. Il Papa ha espresso apprezzamento per la fecondità della Chiesa in Argentina, auspicando che essa sia all'altezza della situazione creata dalla sua elezione al Pontificato.


UDIENZE

Città del Vaticano, 21 marzo 2013 (VIS). Il Santo Padre ha ricevuto questa mattina in udienza, nella Biblioteca privata alla Seconda Loggia:

- Il Signor Adolfo Pérez Esquivel, Premio Nobel per la Pace nel 1980.

- Il Monsignor Carlos María Nannei.

- Il Cardinale Paul Josef Cordes, Presidente emerito del Pontificio Consiglio "Cor Unum".

- Sua Beatitudine Louis Raphaël I Sako, Patriarca di Babilonia dei Caldei, e Seguito.

- Il Santo Padre ha ricevuto questa mattina in udienza presso la "Domus Sanctae Marthae", il Signor Peter Mizengo Kayanza Pinda, Primo Ministro di Tanzania.
Copyright © VIS - Vatican Information Service
 
</